Perché una Class Action?

La COVID19 Class Action ha l’obiettivo di ottenere un risarcimento per le persone che hanno subito un danno in seguito alla diffusione del Coronavirus COVID-19.

A detta di molti scienziati si sarebbe potuta evitare o limitare la diffusione globale del virus se il governo cinese avesse prontamente ottemperato agli obblighi di informazione previsti dall’OMS.


In Europa:

Il centro studi dalla Henry Jackson Society ha pubblicato un rapporto di quarantaquattro pagine, in cui analizza soprattutto i fondamenti di una azione legale nei confronti di Pechino:

La responsabilità del Governo Cinese, soprattutto nella diffusione l’epidemia di COVID19, emergerebbe quindi dal report in modo evidente.

Nel report dell’istituzione britannica vengono anche individuate le vie per una possibile azione legale.

Molti giuristi hanno giĂ  evidenziato la possibilitĂ  di procedere con una Class Action contro i responsabili della diffusione del COVID19:

Una condotta che ha di fatto provocato migliaia di morti, nonché la crisi dell’economia globale in seguito alla diffusione del Virus.

La Henry Jackson Society ha inoltre affermato che ci sono le prove che la Cina ha violato direttamente i trattati sanitari internazionali:

Per l’istituto inglese dunque, le super potenze internazionali potrebbero intraprendere vie legali per chiedere risarcimento danni.

Il PCC (Partito Comunista Cinese) ha cercato di nascondere al mondo le cattive notizie»

Ă© la conclusione della ricerca.


Negli USA:

Il Senatore repubblicano Josh Hawley , del Missouri, il 14 Aprile 2020 ha presentato il “Justice for covid-19 victim act”:

Tale disegno di legge pertanto, se approvato, permetterĂ  a qualsiasi privato americano di fare causa al Partito Comunista Cinese per ogni danno portato dal Covid19.

Il ricercatore americano James Kraska ha preso in esame il Regolamento sanitario internazionale emanato dall’Oms e adottato 15 anni fa:

Pechino ha contravvenuto agli  obblighi di comunicazione

Entro 24 ore la Cina avrebbe dovuto comunicare agli altri Stati membri le informazioni inerenti la Sars e le malattie provocate da un nuovo sottotipo del virus.


Comunque, Ă© poco probabile che uno dei governi occidentali decida di procedere con una azione legale davanti ai tribunali internazionali:

esistono troppi interessi e rapporti di collaborazione con il governo cinese che vanno oltre l’interesse dei cittadini e dei lavoratori.


IN ITALIA: COVID19 class action

ONEurope onlus sta aggregando le persone che ritengono sia giusto proporre una class action per il risarcimento dei danni che sono provocati dal COVID19.

Abbiamo pertanto l’intenzione di citare il governo Cinese sia davanti alla giustizia italiana sia davanti ai tribunali internazionali

COSA VOGLIAMO OTTENERE:

I nostri legali stanno verificando la possibilitĂ  di:

Ottenere il risarcimento dei danni provocati in seguito alla diffusione del Coronavirus COVID-19

Richiedere il sequestro conservativo dei beni e delle attivitĂ  riconducibili direttamente o indirettamente al Governo Cinese in Italia ed in Europa.

Ottenere altre misure compensative al fine di garantire la nostra richiesta di risarcimento danni, valutando non soltanto l’aspetto economico, ma anche l’impatto sociale che avrebbe la riuscita di una simile iniziativa da parte di un gruppo di cittadini contro il governo di una grande nazione come la Cina.

PERCHE’ UNA COVID19 CLASS ACTION:

Questa epidemia si poteva evitare, ovvero limitare, rispettando i regolamenti internazionali (Fonte: Henry Jackson Society).

Pertanto, con maggiore trasparenza, i morti in Italia ed in Europa sarebbero stati molti di meno

Sulla base delle affermazioni e delle prove raccolte dagli esperti internazionali e dagli scienziati esisterebbero quindi chiare responsabilitĂ  nella diffusione del Coronavirus COVID-19 da parte del Governo Cinese.

Inoltre, l’unica economia che ha avuto ed avrĂ  un beneficio dalla crisi mondiale COVID-19 Ă© quella cinese.

CHI SIAMO:

Un gruppo di cittadini con esperienze e competenze in vari ambiti (Economico, legale, societario e sociale) ma, soprattutto, che vogliono agire.

COSA CI GUADAGNANO I PROMOTORI:

1,00 EUR

I PROMOTORI della COVID19 Class Action si impegnano a richiedere al Governo Cinese solo la somma simbolica di 1,00 EUR

indipendentemente dalla maggiore somma che il giudice dovesse riconoscere o che il Governo Cinese volesse assegnare in via transattiva.

Per diventare anche tu promotore scrivi a: info@covid19classaction.it


Coloro i quali aderiranno alla COVID19 class action potranno richiedere il risarcimento dei danni morali e materiali subiti.


COMPILA IL FORM:

Per rimanere aggiornato sulla class action e sulle iniziative connesse

 

 

La compilazione del form non costituisce alcun impegno o volontĂ  di partecipazione alla COVID19 class Action ma Ă© fondamentale per:

  • Essere informati sui dettagli della nostra azione
  • Scegliere in seguito se aderire alla class action
  • Richiedere il risarcimento dei danni subiti dall’emergenza relativa all’epidemia da Coronavirus COVID19

La partecipazione è gratuita.

RICORDATI DI CONDIVIDERE LA PAGINA SUI TUOI SOCIAL: PIU’ SIAMO E PIU’ SIAMO FORTI!

Compilando il form ti terremo anche informato sugli sviluppi della COVID19 Class Action e sulle attivitĂ  di ONEurope onlus.

In nessun caso quindi ai sensi del GDPR, ONEurope onlus, titolare del trattamento dati, utilizzerĂ  o cederĂ  le informazioni ricevute per fini commerciali.


In piena libertĂ , se lo desideri, supporta con una donazione
la nostra battaglia:

…..

 

L’adesione formale alla COVID19 class action potrĂ  avvenire, in un secondo momento:

ti comunicheremo nel dettaglio per e-mail le modalitĂ  che il nostro team legale ha scelto di seguire e le modalitĂ  di partecipazione.


INFORMAZIONI DI CONTATTO:

Per collaborare come promotore del COVID19 Class Action scrivere a: info@covid19classaction.it

Per informazioni stampa scrivere a: press@covid19classaction.it


L’iniziativa ha carattere sociale, non Ă© sponsorizzata e non Ă© collegata con l’attivitĂ  diretta o indiretta di alcun partito politico.

ONEurope onlus rifiuta ogni tipo di discriminazione o pregiudizio di carattere razziale, religioso o sessuale.


Hashtag: #COVID19CLASSACTION